Blog: http://supermax.ilcannocchiale.it

Dalla pelle al cuore

Queste parole le leggerai e le troverai patetiche, forse false, ma io ancora nella musica trovo te Antonietta, eternamente l'unica ragazza che chiamerò mai "la mia bimba"... la prima ed ultima ragazza ad aver avuto tutto il mio cuore, non me ne vogliano le altre conosciute prima: con voi era solo affetto. A poco a poco il dolore si sta affievolendo, ma la musica riesce ancora a toccare le mie corde più profonde, quelle che di spesso mi portano a nascondermi per non fa vedere una lacrima che scende, ma davvero è più forte di me... non riesco a legare ancora alle parole di una canzone un volto diverso, o nessuno... Fa male, ma sono emozioni e di queste è fatta la vita. Non si può non amare per paura di soffrire poi e non si può smettere di vivere per lo stesso motivo. Questa è la canzone che dedico oggi a noi due, a Massimiliano e Antonietta: due ragazzi che non smetteranno mai di volersi bene. Ti adoro forever "testina"...


Antonello Venditti - Dalla pelle al cuore

Il sesso fa partire
l'amore fa tornar da te
e dalla pelle al cuore
che adesso sto davanti a te

So che mi perdonerai

mi devi perdonare
so che tu ce la farai

e dalla pelle al cuore
che devo ritornare
senza più parole
senza farti male

e dalla pelle al cuore
e tu lo capirai
solo da uno sguardo
tu lo scoprirai

Non cerco comprensione
e lacrime che tu non hai

è stata un'emozione
che mi ha rubato l'anima

Dolcissimo mio amore
e non mi ha fatto vivere

si apre il tuo portone
e adesso sei davanti a me

e dalla pelle al cuore
che devo ritornare
senza più parole
senza farti male


e dalla pelle al cuore
e tu lo capirai
solo da uno sguardo
tu lo scoprirai

mi perdonerai
mi perdonerai
mi devi perdonare sai
mi perdonerai

e dalla pelle al cuore
che devo ritornare
senza più dolore
senza farti male

e dalla pelle al cuore
e tu lo capirai
solo da uno sguardo
tu lo scoprirai

mi perdonerai
mi perdonerai
mi devi perdonare sai
mi perdonerai

Mi perdonerai

Pubblicato il 16/1/2008 alle 2.42 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web